Arctic Paper Munkedals

Storia

Arctic Paper Munkedals AB è stata fondata nel 1871. Gli sfibratori a mola venivano fatti funzionare con l'aiuto delle cascate del fiume Munkedal per la fabbricazione di pasta di legno meccanica. Nel 1890 la cartiera passa a pasta chimica e la produzione di carta fine inizia nel 1906. A quel tempo c'erano sei macchine per la carta in esercizio e la fabbrica era stata dotata di un motore a vapore in modo che la produzione potesse continuare anche nei periodi asciutti.

Nel 1917, la capacità totale di produzione della cartiera era di 10.000 tonnellate / anno. Lo stabilimento è stato continuamente aggiornato e modernizzato e l'organizzazione di marketing è stata ampliata. Munkedals AB esporta in molti paesi in Europa, Africa, Asia e Sud America.

Nonostante grandi difficoltà durante e tra le due guerre, Munkedals AB è stata in grado di continuare la produzione grazie al suo impianto moderno. L'organizzazione di vendita ben sviluppata ha anche assicurato la vendita del volume totale di produzione. Nel 1943, l'armatore Haakon Onstad, diventa l'amministratore delegato di Munkedals AB, dopo aver acquisito una partecipazione di maggioranza della società. Sotto la sua direzione la società si è ampliata ulteriormente ed è stata costituito un gruppo di società con Munkedals come società madre. Questo è rimasto invariato dal 1943.

All'inizio degli anni '60 è stata installata una moderna macchina per carta, la PM8. A causa dell'impatto ambientale e per altri motivi, la fabbricazione della pasta di solfito è cessata nel 1966. Tutte le vecchie macchine per carta sono stati rottamate, tranne le PM5 e PM8. Comincia una nuova era nella storia Munkedals AB.